Fiat al Salone di Ginevra 2013: 500L Trekking, 500e, 500 GQ e Panda 4×4 bicolore [FOTO e VIDEO]

All’83esimo Salone Internazionale di Ginevra – in programma dal 7 al 17 di marzo – la Fiat presenta tre anteprime mondiali: 500L Trekking per il mercato europeo (l’avevamo già vista in versione per il mercato americano), 500 GQ e Panda 4×4 bicolore

da , il

    All’83esimo Salone Internazionale di Ginevra – in programma dal 7 al 17 di marzo – la Fiat presenta tre anteprime mondiali: 500L Trekking per il mercato europeo (l’avevamo già vista in versione per il mercato americano), 500 GQ e Panda 4×4 bicolore. Accanto a queste anteprime, logicamente, ci sarà anche l’intera gamma al completo, incluse le più recenti novità, come ad esempio: la 500S, la Punto 2013 con Pack ‘Sporting’, la Freemont Lounge AWD e la Sedici con il nuovo Kit Nitro. In occasione della kermesse svizzera, poi, il costruttore del Lingotto ha pensato di esporre anche l’ecologica Fiat 500e, la versione elettrica ad emissioni zero della citycar, che sarà commercializzata esclusivamente negli Stati Uniti a partire dal secondo trimestre del 2013. E per concludere, il pubblico potrà anche ammirare il prototipo Panda Monster Truck, che viene parcheggiato all’aeroporto di Ginevra. Andiamo a vedere, ora, nel dettaglio le novità.

    Fiat 500L Trekking

    Come è stato per il Qubo e per la Panda, arriva l’allestimento Trekking anche per la monovolume 500L. Le caratteristiche sono sostanzialmente quelle che abbiamo già visto sugli altri modelli: estetica simile a quella di una sport utility, allestimento interno specifico e controllo di trazione studiato ad hoc per la guida su fondi scivolosi e sterrati. Il design della Fiat 500L Trekking propone nuovi paraurti con scudo di protezione, per un look ancor più aggressivo e dinamico, e assetto rialzato per affrontare meglio percorsi sconnessi. Le fiancate sono impreziosite dai nuovi cerchi in lega da 17 pollici con effetto diamantato montati su pneumatici M+S ‘snowflake’, offerti di serie. A completare lo stile ci sono le modanature protettuve in grigio scuro brunito, le maniglie delle portiere satinate e le cromature laterali in acciaio spazzolato. Per gli interni, invece, gli stilisti hanno previsto un nuovo rivestimento per i sedili con inserti in ecopelle, disponibile nelle colorazioni tessuto grigio magnesio e inserti cuoio oppure tessuto nero con inserti bianchi.

    Parlando dell’aspetto più tecnico, sarà disponibile con le motorizzazioni benzina 1.4 16v da 95 CV e 0.9 TwinAir Turbo da 105 CV e con i turbodiesel 1.6 Multijet II da 105 CV e 1.3 Multijet II da 85 CV, quest’ultimo anche in abbinamento al cambio Dualogic. Da segnalare l’aggiunta del sistema “Traction+”, l’innovativo sistema di controllo della trazione che nasce per migliorare la motricità su fondi a bassa aderenza. Dato che la trazione resta solo anteriore, non si possono pretendere delle performance come quelle di un 4×4, però è già apprezzabile il suo effetto.

    Fiat 500 GQ

    La Fiat 500 GQ, come suggerisce il nome, è una serie speciale nata in collaborazione con Gentlemen’s Quarterly, il magazine maschile edito da Condé Nast. Nata a partire dalla Fiat 500S, la GQ si differenzia dal modello di base per tutta una serie di particolari: tanto per cominciare per la verniciatura bicolore, grigio scuro opaco per la porzione inferiore e carbon look per la parte superiore sull’esemplare in esposizione a Ginevra. I gusci degli specchietti retrovisori sono cromate, mentre sui montanti centrali spicca il logo identificativo del nuovo allestimento. Completano il tutto i cerchi in lega da 16 pollici dal design specifico, il logo “500″ arancione sui coprimozzi e le pinze dei freni di color arancione (solo sulla 1.4 100 CV). Cosa prevedono gli interni? Logo specifico arancione sulla plancia, sedili in pelle nera, la pedaliera sportiva in alluminio spazzolato ed il pomello del cambio in pelle. Commercializzata il prossimo giugno, sarà disponibile sia in configurazione berlina che convertibile in abbinamento ai soliti propulsori: benzina 1.2 69 CV, 0.9 TwinAir 85CV e 1.4 100 CV, oltre al turbodiesel 1.3 Multijet 95 CV, tutti abbinati al cambio manuale.

    Fiat Panda 4×4 bi-color concept

    La Fiat Panda viene portata in Svizzera in tre esemplari, dotate di allestimento differente: Trekking con il TwinAir 0.9 litri 85 CV, 4×4 sempre con il TwinAir 85 CV e 4×4 1.3 Multijet 75 CV. Le prime due saranno rispettivamente bianca e rossa, mentre per la diesel è stata pensata una nuova verniciatura bicolore, ossia “Verde Toscana” per il corpo vettura e “Beige Accogliente” per il tetto. Nonostante il nome del modello con due colori sia “bi-color concept”, non dobbiamo lasciarci trarre in inganno e pensare che si tratti solo di un esercizio di stile fine a se stesso. Infatti tutto questo è volto a selezionare alcune combinazioni cromatiche, che saranno poi successivamente introdotte nel listino della versione di serie.

    Per il resto non ci sono novità sostanziali da segnalare per la Panda 4×4, ma cogliamo l’occasione per ricordarne brevemente le caratteristiche. Dotata del sistema di trasmissione “Torque on demand” che entra in funzione automaticamente quando occorre, permettendo di superare con disinvoltura qualunque situazione grazie all’invio della coppia alle ruote dotate di maggiore presa, è sostanzialmente l’unica citycar 4×4 sul mercato. I sistemi di cui è dotata non finiscono qui: ci sono anche il classico ESC (Electronic Stability Control), unito all’ELD (Electronic LockingDifferential), un ulteriore ausilio per la guida in fuoristrada. Due i motori: TwinAir Turbo da 85 CV ed il turbodiesel 1.3 Multijet II da 75 CV.

    Come abbiamo detto prima, accanto alla 4×4 ci sarà anche una Panda Trekking, la versione 4×2 della citycar torinese che propone un look pressocchè identico a quello della 4×4. Dotata del sistema “Traction+” che aiuta nella guida su fondi accidentati o scivolosi, si differenzia dalla versione a trazione integrale solo per i cerchi in lega, che non sono bruniti, e per l’assenza dello skid plate e della relativa protezione sotto-motore.

    Fiat 500e

    Anteprima europea per la Fiat 500e, versione a zero emissioni della citycar chic. Presentata di recente al Salone di Los Angeles, sarà poi commercializzata esclusivamente negli Stati Uniti a partire dal secondo trimestre del 2013. Già a prima vista la versione “e” si dimostra abbastanza diversa dalle normali 500. Oltre ad avere un look più eccentrico, come è giusto che sia su di una versione del genere, monta tutta una serie di accorgimenti volti a migliorare l’aerodinamica e, quindi, a ridurre i consumi. Il tutto è stato oggetto di studio, costato centinaia di ore allo staff Fiat, in galleria del vento. Il frontale si caratterizza per la presenza di una nuova fascia paraurti, più bassa ed aerodinamica di quella standard, dotata della porzione inferiore di colore bianco, sulla quale è stato incluso il logo “500e”. Le fiancate prevedono dei cerchi in lega dal design aerodinamico e con verniciatura bicolore, nonchè delle minigonne. Per richiamare il contrasto tra la vernice della carrozzeria ed il bianco, sono stati verniciati di quest’ultimo colore anche i gusci degli specchietti retrovisori esterni. Spoiler, immancabilmente bianco, e paraurti dallo stile specifico con la parte inferiore sempre bianca, sono gli elementi distintivi del posteriore. Gli interni sono stati allestiti per giocare sempre sui colori arancione e bianco e mostrano alcune piccole novità. Tra queste possiamo citare, ad esempio, l’ampio schermo da 7 pollici LCD che sostituisce il classico tachimetro.

    Parlando dell’aspetto tecnico, la Fiat 500e è dotata di un motore elettrico in grado di sviluppare una potenza di 83 kW, equivalenti a 111 cavalli. Le batterie garantiscono un’autonomia massima di circa 140 km e possono essere ricaricate in un tempo di 4 ore. L’ufficio stampa Fiat fa notare un’informazione molto curiosa: sapete quanto costa l’elettricità per un utilizzo medio di un anno di una 500e? Proprio 500 dollari…