Great Wall Motors Hover, la proposta cinese a basso costo per un SUV

da , il

    Great Wall Motors Hover, la proposta cinese a basso costo per un SUV

    Chi ricordava la Cina soltanto per la Grande Muraglia, dovrà rivedere la propria conoscenza, così come coloro che ritengono che i cinesi siano bravi soltanto a contraffare la merce. Un’ occhiata al Motor Show Bologna per ricredersi, ancora di più sulle qualità raggiunte dall’ industria automobilistica asiatica.

    Tanto per non smentire la tradizione sulla Grande Muraglia, la Casa automobilistica è la Great Wall Motor ( appunto Grande Muraglia ) e a far bella mostra di sé il poderoso SUV, Made in China, dalle linee a metà strada fra quelle asiatiche e le occidentali. Il nome è facile da ricordarsi, Hover.Forse la nuova vettura non assurgerà a ruolo di settima meraviglia del mondo, ma è pervaso da quella classe e da quella bellezza nelle forme che lo colloca come diretto concorrente di Toyota,

    Della Mitsubishi monta il propulsore, un 2.4 litri a 16 valvole capace di 130 Cv . Le dimensioni dell’ Hover sono alquanto generose, 4,62m di lunghezza, 1,8m di larghezza e 1,71m di altezza, con un frontale rispettabilissimo e con delle fiancate filanti e un volume posteriore che amplifica ancor più la sportività di quest’ auto per la presenza in bella mostra dello spoiler.

    Anche gli interni non deludono, buona la dotazione e curato il montaggio, i materiali sono di buona qualità e anche sotto l’ aspetto estetico la dotazione di bordo non delude mai, di serie anche il climatizzatore automatico e il tettuccio apribile elettricamente, nonché la regolazione elettrica dei sedili. A proposito del motore ricordiamo che presto il propulsore a benzina verrà affiancato dall’ ecologico bi-fuel benzina / GPL. Hover è abbastanza sicuro e del resto la dotazione dei freni lo dimostra, due coppie poderose di freni a disco sulle quattro ruote montate su cerchi poderosi che montano gomme di tutto rispetto: le Goodyear 235/65R17.

    Interessantissimi i prezzi di vendita che, secondo indiscrezioni dovrebbero essere poco al di sotto dei 20.000 euro. Se consideriamo ciò, aggiunto alla possibilità di una eventuale alimentazione a GPL, questo SUV, potrebbe essere annoverato fra le auto con i costi di esercizio più bassi della categoria.