Hankook Tire, l’azienda che calza le industrie europee

Hankook Tire, l’azienda che calza le industrie europee

Gli asiatici alla riscossa, calzano anche le auto occidentali

da in Mondo auto, Pneumatici
Ultimo aggiornamento:

    gomme

    In un mondo sempre più globalizzato è ormai la norma servirsi di beni provenienti da ogni parte del pianeta contrastando marchi storici, vere e proprie icone di un’industria, soprattutto occidentale, specializzata e arroccata in certi primati, apparentemente inespugnabili, che corrono oggi il serio pericolo di essere detronizzati da quella posizione leader a favore di Case emergenti che iniziano a togliere sonno agli industriali tutti e non solo, di “casa nostra”.

    Stavolta l’esempio lampante di ciò che si dimena nei pensieri agitati del management di aziende occidentali , ce lo da la Hankook Tire, un’azienda che ai più non dirà granchè, ma…. ancora per poco, in quanto, la posizione prevalente che fino adesso è costituita da veri e propri simboli dell’industria dei pneumatici europei, per quanto ci riguarda, potrebbe presto venire seriamente contrastata da questa Casa coreana d’alta specializzazione per il tipo di segmento di mercato occupato.

    La riprova di quanto accesa si faccia la disputa, ce lo da il recente accordo stipulato dagli asiatici con la tedesca Volkswagen, reduce da poco tempo da un’interessante commessa di ben 440.000 pneumatici per le coperture di prima adozione per il prossimo modello Golf V.

    Ma c’è di più; in virtù di tale accordo, l’industria di pneumatici accennata, “calzerà” le Golf circolanti anche in Europa e non solo quelle destinate al mercato asiatico, come avverrà anche con il modello Bora per la quale saranno 100.000 le gomme di prima dotazione testè ordinate ai coreani.

    Lo pneumatico più diffuso, utilizzato dalla Volkswagen, è, l’ UHP Ventus Prime K105 (205/55R 16) e l’Optimo K406 (195/65R 15), particolarmente utile per vetture destinate al confort massimo per i passeggeri e rivolto al mercato europeo, che si avvale di un’ottima aderenza e manovrabilità e da la possibilità di raggiungere velocità proibitive, fino a 240 orari. C’è da dire che oltre alla Volkswagen, anche la Ford, con la Mondeo, userà, come prima dotazione, lo stesso pneumatico, anche per vetture immatricolate in Europa.

    A caratterizzare un mercato tanto vivace a favore dei coreani con la loro azienda, la scelta operata anche da altri costruttori europei di auto, come la Audi,per il suo modello A3, la Seat con la Ibiza e Altea, così come fatto anche da Volvo, GM, Daihatsu e Mitsubishi, di utilizzare queste coperture come prima dotazione per le vetture in vendita.

    Segno non solo di un mondo che muta rapidamente, ma di una filosofia che sposta gli interessi delle multinazionali laddove la qualità, le prestazioni e quant’altro, non si possano mettere in dubbio soltanto dalla logica che, prezzo più basso, uguale, scarsa affidabilità.

    Una direzione, da poco intrapresa, ormai, come visto, da tanti clienti europei che si sta rivelando, per tante nazioni asiatiche, la politica su cui si fonda il nuovo miracolo economico, aziende e intere nazioni che solo ieri, vivevano ad uno stato, pressoché…… sottosviluppato e che oggi godono, sia pure con una logica che prevede, ahimè, ancora molte sperequazioni sociali, la vera nascita di un mercato economico all’avanguardia.

    577

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo autoPneumatici
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI