Idrogeno da fonti rinnovabili: dalle barche all’auto

Il Salone Internazionale della Nautica di Genova con il progetto “Nautica ad idrogeno” che si sperimenterà per la prima volta a livello mondiale proprio in Liguria, ci da un'ottima occasione per capire quanto l'idrogeno possa servire per alimentare sia le imbarcazioni e presto anche le auto

da , il

    Salone della Nautica a Genova

    Se una volta tanto spostiamo l?interesse dalle quattro ruote alla nautica è solo perché la tecnologia che potrà presto trovare applicazione nelle imbarcazioni potrebbe quanto prima essere esportata anche nelle auto.

    Parliamo della nautica ad idrogeno, una metodica che potrebbe sempre di più affrancarci dal petrolio e dai suoi derivati ed essere quanto mai rispettosi dell?ambiente inquinando molto meno. Grazie all?accordo avutosi fra la H2U Università dell’Idrogeno e l’Assessorato all’ambiente della Regione Liguria ad Energetica si è dato vita al Salone Internazionale della Nautica di Genova con il progetto ?Nautica ad idrogeno? che si sperimenterà per la prima volta a livello mondiale proprio in Liguria.

    Tale favorevole congiuntura porterà alla realizzazione di un primo prototipo di motore ad idrogeno per imbarcazioni applicato su una barca a vela e non solo, grazie all?accordo fra i due importanti Enti si realizzerà una rete di punti di rifornimento ad idrogeno nei porti ricavato da fonti rinnovabili.

    “H2U promuove – dichiara il presidente di H2U Università dell’Idrogeno, Nicola Conenna – progetti innovativi nel campo della mobilità sostenibile sull’utilizzo di combustibili alternativi ai prodotti di derivazione petrolifera. Nel caso dell’idrogeno, direttamente derivati da energie rinnovabili di origine solare. E’ tempo che anche nel mondo della nautica ci si muova con decisione in tal senso. Genova capitale del mare è il posto più adatto per far decollare un progetto di nautica ad idrogeno. Ed è importante che questo accordo sia nato proprio ad Energethica, fiera di riferimento delle energie rinnovabili”. “E’ fondamentale per la Regione – dichiara l’assessore all’ambiente della Regione Liguria Franco Zunino – sperimentare e adottare percorsi di sostenibilità nel campo della nautica. Il rapporto con il mare è per noi di grande importanza ed un progetto come questo potrà essere un tassello significativo per salvaguardare l’ecosistema”.

    Insomma si è aperta la strada per il trasporto sostenibile via mare con l?istituzione contestuale dei porti cosiddetti verdi, analoga strada che si vorrà intraprendere con la mobilità su ruota sempre ad idrogeno; insomma, il futuro è verde e questo non può che farci immensamente piacere.