Motor Show Bologna 2016

Indennizzo diretto: altro che sconti!

Indennizzo diretto: altro che sconti!

Indennizzo Diretto: altro che sconti!

da in Assicurazione auto, Associazioni Consumatori, Auto Neopatentati
Ultimo aggiornamento:

    Con l'Indennizzo Diretto sarebbero dovuti arrivare gli sconti; macchè!

    Chi si aspettava che dopo il tanto annunciato Indennizzo Diretto, introdotto nel piano delle liberalizzazioni previste dal Governo uscente per opera del Miinistro Bersani, che, oltre a rendere meno macchinoso il risarcimento in caso di incidente, doveva contribuire a diminuire le tariffe, resterà se non deluso, per lo meno sconcertato.

    Non solo non si è assistito ad alcuna riduzione delle tariffe rc-auto ma, addirittura, i premi assicurativi sono, niente meno che cresciuti ed in maniera molto sensibile, in certi casi anche del 30% .

    Una situazione paradossale che fa vibrare le corde vocali dei rappresentanti delle Associazioni dei Consumatori, con le loro proteste e sul piede di guerra di fronte alla constatazione di quanto sta avvenendo in fatto di RC Auto. A lanciare l’allarme, infatti, provvedono Adusbef e Federconsumatori che rilevano anche che, lasciati “in pace”, ma solo per modo di dire, i neopatentati dalle Società di assicurazioni, adesso la “guerra” a suon di tariffe ritoccate si fa all’indirizzo dei guidatori cinquantenni.

    Infatti, secondo lo studio effettuato dalle due associazioni, gli utenti che hanno conseguito la patente da poco tempo sopporteranno aumenti dell’ordine, massimo, del 7%, ma per i più maturi guidatori nelle fasce d’età richiamate, tali aumenti, inspiegabilmente, potranno, come visto, toccare quota 30%, nei casi migliori, il 15% .

    Le città prese in esame dove, parrebbe più palese questa situazione sono Milano, Roma e Napoli, ma niente paura, gli aumenti sono ben “spalmati” in tutto il Paese.

    Un fatto ”estremamente grave”, sottolineano i consumatori, perche’ gli aumenti sono scattati dopo l’introduzione dell’indennizzo diretto. ”Questa modalita’ di risarcimento, annullando i costi di gestione dei sinistri delle compagnie e consentendo per altro risparmi notevoli sugli oneri legali, che assommano ad 1,5-2 miliardi di euro annui, avrebbe dovuto permettere la riduzione delle tariffe di almeno il 10-15%.

    368

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Assicurazione autoAssociazioni ConsumatoriAuto Neopatentati

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI