L’auto ad aria compressa è… Tata

da , il

    L’auto ad aria compressa è… Tata

    Si ricomincia a parlare di auto ad aria compressa e, dunque, di Tata che ha sviluppato il prototipo grazie all?apporto tecnico di un ex specialista di Formula Uno.

    Di quest?auto ne verranno costruiti in forma sperimentale circa 6.000 esemplari all?anno che saranno esposti direttamente presso le concessionarie indiane e verranno, probabilmente, esportati in 12 Paesi al mondo.

    L?auto raggiunge una velocità massima di 108 Km/h e avrà una autonomia di marcia di 200 chilometri. La vettura utilizza l?aria che viene compressa in appositi cilindri grazie all?azione dei pistoni, dunque, non avrà nessuna emissione inquinante, a parte quelle derivanti dall?azione del piccolo compressore che dovrà comprimere l?aria in modo da dare la spinta ai pistoni dell?auto, questo propulsore potrebbe essere a benzina o elettrico, in quest?ultimo caso, verrebbe ricaricato direttamente a casa tramite inserimento nella rete elettrica. Per quanto riguarda la prima soluzione, è allo studio una versione ibrida, benzina-aria, di cui interessati parrebbero quanto mai i tedeschi.

    Vedremo cosa riusciranno a fare gli intraprendenti indiani.