Salone di Parigi 2016

Tutte le novita' presentate ed esposte al Salone di Parigi 2016. News, anticipazioni, anteprime, foto e video delle nuove auto esposte alle kermesse francese.

Le migliori berline del Salone di Ginevra 2016 [FOTO]

Le migliori berline del Salone di Ginevra 2016 [FOTO]
da in Auto 2016, Auto nuove, Berline, Salone auto, Salone di Ginevra 2016
Ultimo aggiornamento: Martedì 15/03/2016 17:52

    berline ginevra

    Le berline non sono più di moda? Ma se continuano a costruirle è perché qualcuno continua a comprarle. In realtà la berlina è ancora il tipo di vettura più venduto, soprattutto quelle a due volumi, con coda tronca e portellone, le più diffuse nelle fasce di prezzo ordinarie. Però c’è sempre spazio anche per le classiche vetture a quattro porte e coda lunga, qui quasi sempre nei segmenti premium. Ecco quindi un eleco delle 10 berline più importanti tra quelle esposte al salone di Ginevra 2016. Ordine alfabetico per marca.

    E’ inevitabile vederla in più classifiche: la regina è lei, l’Alfa Romeo Giulia. Nella fattispecie, le sue versioni normali, mostrate qui al pubblico per la prima volta. Una storia che ancora deve nascere ma è già stata sofferta, a causa degli inaspettati rinvii. Ma ora eccola, pronta a misurarsi sul mercato con le tedescone. Le prime versioni a venire commercializzate vedranno il motore diesel 2.2 da 150 e 180 cavalli, tutto in alluminio, una novità per l’Alfa. Al momento delle prenotazioni, che partiranno il 15 aprile, ci sarà anche il 2.0 turbo benzina da 200 cavalli.
    L’ammiraglia dell’ammiraglia. La nuova Serie 7 trova la M e basterebbe questo. Ma non chiamiamola M7. In realtà si tratta del pacchetto M Performance. Aerodinamica spinta, prese d’aria maggiorate, colori esclusivi, la M e la suggestiva fascia azzurra-blu-rossa che spunta qua e là. Sotto il cofano della BMW M760Li XDrive ruggisce il possente V12 6.6 da 600 cavalli e 800 Nm. Trazione integrale e cambio automatico Steptronic ad 8 rapporti. Ammiraglia da guerra.
    E’ una novità importante, soprattutto per l’Italia. Pratico portellone, bagagliaio quasi da station wagon, completezza d’equipaggiamento, un design che esprime quel non so che di sportiveggiante. I motori della Fiat Tipo 5 porte, come quelli della tre volumi e della station, offrono quello che serve per una pratica ed economica auto da famiglia: diesel 1.3 e 1.6 da 95 e 120 cavalli, benzina 1.4 da 85 cavalli e Gpl da 120 cavalli.
    La versione cattiva della compatta americana si arrabbia ancora di più e diventa la più potente Fiesta di serie mai prodotta. I tecnici della divisione Ford Performance hanno messo mano all’elettronica del 1.6 EcoBoost della precedente ST e l’hanno spinto da 182 a 200 cavalli. La coppia massima della Ford Fiesta ST200 sale da 240 a 290 Nm. Guadagna due decimi nell’accelerazione 0-100, ora scesa a 6″7.
    Non dobbiamo più considerare le auto ibride come un mondo a parte. Ormai possono tranquillamente “confondersi” con tutte le altre. La Hyundai Ioniq è una bella berlina compatta a due volumi. L’apparato ibrido regala un grande vantaggio in termini di consumi, emissioni e coppia. In più il design e gli equipaggiamenti sono paragonabili alle altre Hyundai in produzione. Quindi abbiamo presenza e completezza. La volete ibrida tradizionale o plug-in? A voi la scelta.
    Anche il pubblico europeo ha potuto ora vedere la versione 2016 della Infiniti Q50. Il design è sempre molto accattivante e sottolinea le caratteristiche sportive di questa auto di lusso. Tra gli aggiornamenti tecnici generali va evidenziato soprattutto l’ingresso in gamma del motore V6 3.0 biturbo da 405 cavalli, strizzando l’occhio alle supercar. Molto interessante anche il sistema Direct Adaptive Steering, per una sterzata più diretta e precisa.
    La berlina per eccellenza. La nuova generazione della Mercedes Classe E ha salutato anche l’esordio europeo. Fra i tanti sistemi di automatizzazione della guida, va evidenziato il Remote Parking Pilot. L’auto parcheggia da sola sfruttando un’app per lo smartphone. Utile soprattutto per piazzare la vettura negli slot impossibili di certi parcheggi sotterranei. Aspettando l’ibrida plug-in, troviamo come nuovi motori il 2.0 diesel da 194 cavalli e il V6 3.0 da 258 cavalli, oltre al 2.0 turbo benzina da 184 cavalli.
    Non è un’anteprima, però l’aver ricevuto il premio auto dell’anno 2016 a Ginevra fa tornare la nuova Opel Astra in primo piano. Sono molte le novità importanti sull’Astra. Innanzitutto la leggerezza: 200 Kg in meno, a tutto guadagno di consumi e prestazioni. Design più moderno e aggressivo; fari a tecnologia Matrix Led, per dirigere il fascio di luce dove serve senza abbagliare chi arriva dalla parte opposta, una dotazione non proprio comune in questa fascia di prezzo; sistemi di connessione aggiornati e completi; spazio per i passeggeri buono, nonostante la carrozzeria più corta e bassa; motori turbo benzina e diesel di ultima generazione.
    Già accennata a Francoforte, ma è a Ginevra che la nuova Suzuki Baleno arriva in concomitanza col lancio commerciale. Motore 1.0 turbo BoosterJet da 112 cavalli con sistema ibrido SHVS che lo assiste. Oltre 4 metri, passo di 2,5 metri per una buona abitabilità (è una compatta di segmento B), connettività moderna, stile adeguato alle tendenze attuali.
    Debutto europeo dopo l’esordio a Detroit per la Volvo S90. L’essenza della berlina premium. Grande e imponente, design particolare, tante novità tecniche. Da sottolineare la versione ibrida, col motore T8 2.0 turbo e l’elettrico che combinano 407 cavalli e 640 Nm di coppia. Una raffinatezza sulla D5 è invece il Volvo Power Pulse, cioè un serbatoio d’aria supplementare continuamente alimentato per attivare più rapidamente il turbocompressore. Tanti dispositivi di automatizzazione, come il Pilot Assist che tiene la vettura entro le linee di carreggiata anche in curva.

    1044