L’India presto in pole position

L’India presto in pole position
da in Auto nuove, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    TATA

    Con un progetto che somiglia, almeno per ambizione, a quello italiano del dopoguerra e che poi caratterizzò il vero e proprio boom economico anni sessanta, l’India lancia una sfida secondo la quale la nazione in meno di un trentennio diventerà leader nel settore auto, ovvero il terzo mercato al mondo per ordine di grandezza, dietro soltanto a Stati Uniti e Cina.

    Addirittura le previsioni farebbero rabbrividire, l’India si prepara ad una riscossa immane, se solo si considera, secondo una ricerca condotta da Keystone, una società di consulenza americana, che entro il 2030 gli indiani produrranno più auto di quante ne siano state prodotte nel mondo sino adesso, al punto da scalzare i “vecchi” mercati europei, giapponesi e coreani.

    Sempre secondo l’indice di previsione, ammettendo un tasso di crescita del 6%, si pensa che gli indiani produrranno oltre venti milioni di veicoli all’anno, un rapporto pazzesco, 600 vetture ogni mille abitanti che oggi vede l’India invece a 14 vetture su mille persone. Tutto ciò, grazie agli incentivi che il governo indiano sta effettuando da qualche tempo per incentivare l’acquisto di auto che, intanto, si sono rivolti al mercato estero, Giappone in testa, ma s’è fatta strada anche Ford e, per quanto ci riguarda, Fiat, proprio grazie all’accordo stretto con la Tata.

    Ma c’è di più, la classe agiata indiana si orienta verso auto di lusso e a lasciare il segno in questa direzione potranno essere quelle marche che hanno fatto della propria vettura lussuosa il proprio cavallo di battaglia, come sta facendo BMW investendo 23 milioni di dollari per aprire uno stabilimento proprio in India.

    Insomma, fra mercati esteri e sviluppo dei mercati interni nel settore automobilistico e non solo, fra le nazioni emergenti l’India, sarà quella da tenere più sott’occhio, forse più di quanto si faccia adesso per la Cina, perché a differenza di quest’ultima, la mentalità di questo popolo non è quello di clonare e copiare ciò che altri costruiscono, ma di inventare e creare con una propria spiccata personalizzazione e questo lo stanno imparando molto bene gli indiani.

    402

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto nuoveMondo auto

    Salone di Ginevra 2017

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI