Lotus: un ibrido in proprio fra due anni

Da sola nella realizzazione di un ibrido nel 2010, questo il percorso che la Casa automobilistica intende intraprendere dopo le diverse partnership avute con marchi famosi anche nel settore della proprulsione mista

da , il

    La Lotus Ibrida

    Elettrica, fortissimamente elettrica, è questa la strada che Lotus intende intraprendere con la prossima Esperit, lo dimostra l?ingente investimento che la Casa automobilistica si appresta a compiere al fine di giungere alla realizzazione di sempre nuovi modelli.

    Il passaggio verso un?auto elettrica prodotta in proprio è avvenuto con la scelta di operare in partnership con altri marchi nella realizzazione di vetture con questa propulsione; Tesla Roadster ne è un esempio recente. Ma i tempi sarebbero maturi per Lotus per percorrere da sola la strada verso un veicolo elettrico realizzato del tutto in proprio.

    C?è da ricordare che la nuova vettura della Lotus che dovremmo vedere al prossimo Salone di Ginevra e che dovremmo poi scoprire per strada nel 2010, sarà costituita da un motore ibrido, benzina-elettrico e non soltanto elettrico; lo scopo della scelta in direzione del propulsore a benzina è quello di ricaricare le batterie al litio col risultato, apprezzabilissimo, di avere a che fare con una vettura con un?autonomia di marcia che in particolari situazioni può spingersi fino a 600 chilometri.