Mahindra XUV500 al Motor Show di Bologna 2011

Mahindra svelerà in anteprima europea il nuovo Suv XUV500 nel corso del Motor Show di Bologna 2011

da , il

    Mahindra XUV500 al Motor Show di Bologna 2011

    Mahindra presenterà in anteprima europea il nuovo Suv XUV500 nel corso del Motor Show di Bologna 2011, manifestazione che è in programma dal 3 all’11 dicembre. Questa vettura mostrerà al pubblico quella che è la nuova filosofia della casa automobilistica indiana, che si trova in questo momento ad un punto di svolta per ciò che riguarda sia il design che la parte tecnica di tutti i propri modelli.

    Design originale

    Realizzata per il mercato globale, la nuova Mahindra XUV500 si presenta con un design originale e aggressivo. Diverso dalle auto del costruttore indiano viste in precedenza. Il frontale della vettura presenta alcuni dettagli sportivi, con delle curve e delle nervature che risultano essere accentuate. La parte posteriore invece, in particolare nella zona della coda, ha dei proiettori e dei montanti che sono di dimensioni massicce.

    Interni

    Gli interni dell’auto sono moderni, curati e in grado di ospitare sette passeggeri. La consolle centrale domina la plancia e include i comandi della vettura come lo schermo touch screen del navigatore satellitare. Più in basso si trovano invece i comandi dell’impianto audio e del climatizzatore a controllo elettronico dotato di temperature regolabili per le diverse zone dell’abitacolo. La dotazione dello sport utility di Mahindra propone anche i rivestimenti in pelle e il sedile del guidatore con otto regolazioni. Per la sicurezza passiva degli occupanti è presente il dispositivo elettronico di stabilità ESP, il sistema anti arretramento durante le partenze in salita e i proiettori anteriori che possono essere orientati lateralmente.

    Motori

    Tra le principali novità tecniche del crossover indiano c’è la scocca portante che sotituisce il telaio in acciaio, che viene utilizzato ancora sui modelli della gamma Goa. La XUV500 sfrutta un motore quattro cilindri diesel common-rail da 2.2 litri, con turbo a geometria variabile, che è in grado di erogare una potenza di 140 CV. Questa unità è stata abbinata ad un cambio manuale a sei marce che trasferisce la potenza del motore alla trazione integrale, inseribile con un dispositivo elettronico.