NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Maserati A6 GCS, vittoria a Villa d’Este

Maserati A6 GCS, vittoria a Villa d’Este

La Maserati A6 GCS spider vince il Concorso d'eleganza organizzato presso Villa d'Este, a Cernobbio, sul lago di Como

da in Auto d'epoca, Auto sportive, Cabrio e spider, Maserati, Promozioni auto nuove
Ultimo aggiornamento:

    Maserati A6 GCS

    Le sponde del lago di Como hanno visto passare, qualche giorno fa, auto dai motori rombanti. In un’atmosfera da secolo scorso, una lunga fila di piloti ha accompagnato le loro vetture verso Villa d’Este, presso Cernobbio, dove si è stato organizzato il Concorso d’Eleganza per auto storiche. Si tratta di automobili d’altri tempi, che hanno scritto la storia mondiale delle competizioni. I loro facoltosi proprietari ne vanno orgogliosi e le coccolano, come si può fare con un essere umano. Sì, perché queste vetture hanno una loro anima, rappresentano le creazioni migliori degli ingegneri più illuminati e creativi del settore auto.

    E non poteva essere diversa neppure la “location” scelta per fare concorrere queste vere e proprie Miss di eleganza: Villa d’Este. Una residenza sontuosa, voluta fortemente dagli organizzatori, BMW in testa come gruppo sponsor, per sottolineare la fastosità delle auto d’epoca che si sono sottoposte al giudizio della critica. Al termine delle giornate di esposizione, la “Coppa d’Oro” è stata assegnata alla Maserati A6 GCS Spider del 1955, carrozzata da Frua.

    La Vettura - La Maserati A6 GCS fu costruita nel 1947, concepita come auto da corsa.

    Vinse, infatti, una delle mitiche corse organizzate in Emilia, a Modena, luogo magico per quel che riguarda le automobili sportive. In quell’occasione, la vittoria della Maserati A6 si accoppia a due nomi leggendari dell’automobilismo sportivo: Ascari e Villoresi, rispettivamente primo e secondo. Ma questa splendida vettura fece sognare gli appassionati anche alla Mille Miglia del 1953, quando i piloti Giletti e Bertocchi la portarono al primo posto della loro categoria. Della splendida Maserati A6 GCS ne furono realizzati solo quattro esemplari, segno distintivo della precisione artigianale che ci volle per costruire un mito dell’auto. Oggigiorno, la sua splendida livrea lascia a bocca aperta gli intenditori: la linea del baricentro bassa; la calandra cromata “arrabbiata” a voler mordere la strada; i gruppi ottici grandi come due occhi sgranati; il parabrezza piccolo e arcuato; i luminosi cerchi in lega a raggi. La Maserati A6 GCS fa scoccare il colpo di fulmine al primo sguardo.

    434

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto d'epocaAuto sportiveCabrio e spiderMaseratiPromozioni auto nuove
    PIÙ POPOLARI