Mazda Tribute, allestimento ’2006, convince!

da , il

    Mazda Tribute, allestimento ’2006, convince!

    Controllata con un buon pacchetto di azioni dalla Ford, la Mazda lancia sul mercato, nell’ allestimento ‘2006, la Tribute, un SUV a metà strada fra la filosofia costruttiva Mazda e il modello stilistico-sportivo americano Ford.

    Tuttavia, la Tribute, ha una fortissima personalità nel design, così come nella qualità dei materiali impiegati e nelle dotazioni di cui gode. L’ allestimento ‘2006, prevede due propulsori, uno da 2,3 litri a 4 cilindri che sviluppa 153 cavalli e un 3,0 litri da 200 cavalli a 6 cilindri. Il cambio manuale a cinque marce o automatico, a quattro, a scelta è previsto per entrambe le versioni. La vettura è disponibile a 4 ruote motrici con disabilitazione di due ruote di trazione.

    Nonostante gli sforzi congiunti delle due Case automobilistiche, tuttavia, diversi sono i modelli che si contrappongono, veementemente, contro Tribute, basti ricordare l’ Honda Cr-v e il Toyota RAV4, ma Tribute, pare possedere le pedine giuste per lo scacco matto finale!

    Esternamente ricorda molto da vicino alcuni SUV Ford, ma la differente calandra, i gruppi ottici anteriori, le dimensioni particolari, ne fanno un veicolo univoco, anche nelle forme. Così come belli e funzionali sono i cerchi in lega da 16 pollici che spiccano sotto le nerborute fiancate.

    Internamente ricordiamo che, Tribute, è omologato per cinque persone, gli spazi sono comodi e ben sfruttati come grande è il pianale di carico del bagagliaio che si dota anche di un appendice retrattile per agevolare le manovre di carico, per non contare che lo spazio in dotazione aumenta notevolmente con la possibilità, prevista, dell’ abbattimento dello schienale posteriore.

    Guidare la Tribute è un’ esperienza piacevolissima per via dell’ elasticità dei suoi propulsori, anche se sullo sconnesso trasmette all’ interno delle ruvidezze che a volte potrebbero infastidire gli occupanti. Ma parliamo pur sempre di peccati veniali, nulla in confronto alle doti positive di quest’ auto. Doti apprezzabili anche in tema di sicurezza. Tribute si dota dei migliori ritrovati in fatto di tecnologia applicata all’ auto, che oggi si possano avere. La ripartizione elettronica della frenata ne è un esempio, il dispositivo antiribaltamento, un altro, la nutrita serie di airbag, anteriori, posteriori, laterali a tendina, indicano, se mai ce ne fosse bisogno, le doti di versatilità e sicurezza di questo moderno SUV.

    Interessanti i prezzi che vanno, a seconda delle versioni, da 16.500 a 20.000 euro. Se dal nome quest’ auto vuol’ essere un Tributo alla più grande FORD, vero è anche che racchiude in sé le doti salienti della sofisticata e avveniristica preparazione motoristica dei progettisti Mazda.