McLaren 650S GT3, anteprima a Goodwood per la versione da gara [FOTO]

E' stata svelata al Festival di Goodwood 2014 la nuova McLaren 650S GT3

da , il

    Dovrà proseguire la carriera di successo della 12C, McLaren 650S GT3. In tre stagioni di gare ha racimolato 51 successi e 71 podi nelle varie competizioni in cui è stata impiegata dai team clienti, adesso è tempo di un’evoluzione. Non solo estetica, perché gli accorgimenti apportati dai tecnici di Woking sono sostanziali e mirati a garantire prestazioni superiori così come ottimizzare e ridurre i costi di gestione. L’anteprima della GT3 che vedremo impegnata sui campi di gara nel 2015 ha visto il Festival di Goodwood come palcoscenico prediletto.

    Grande attenzione è stata riservata all’aerodinamica, evoluta attreverso sistemi CFD e rivolta anche a garantire un maggior raffreddamento degli organi meccanici. Non fa mistero di essersi migliorata con specifico riferimento alle competizioni Endurance, così il fattore del raffreddamento è solo uno degli aspetti che si accompagnano al miglioramento della posizione di guida e al “confort” da assicurare al pilota chiamato a gareggiare magari anche per 24 ore.

    Dicevamo dell’aerodinamica. Un nuovo splitter anteriore e un’ala posteriore fissa garantiscono il carico insieme al fondo piatto, con un estrattore molto elaborato al retrotreno. Gli scarichi restano in posizione alta, sotto i piloni di sostegno dell’alettone. Una delle specifiche da rispettare per l’omologazione, riguarda i cerchi in lega. Abituati come siamo a supercar che poggiano su ruote da 20 pollici – l’ultima, proprio una 650S, la MSO – e anche più, fa quasi strano vedere “solo” dei 18 pollici per la 650S GT3.

    Sono state ampliate le prese d’aria e i più attenti noteranno anche una bocchetta sugli specchietti retrovisori, collegati con un supporto tubolare al montante, così da portare un po’ d’aria extra al pilota. All’interno, la gabbia tubolare di sicurezza è stata alleggerita e protegge – insieme al telaio monoscocca in carbonio – in caso di incidente. Nuovo è anche il sedile, modellato per contenere al meglio il corpo e regalare una posizione di guida perfetta. E’ ancorato sul fondo e le regolazioni riguardano volante e pedaliera.

    Gestire un’auto da corsa nella categoria GT3 non è impresa semplice e in McLaren hanno lavorato per allungare il ciclo di vita dei vari pezzi, riducendo così le spese per la manutenzione ordinaria.

    Restando in tema tecnico, le carreggiate sono state ampliate di 52 millimetri rispetto alla McLaren 12C GT3; i freni sfoggiano pinze a sei pistoni davanti e quattro dietro, con dischi dal diametro di 380 e 355 millimetri rispettivamente. Il cambio è di tipo sequenziale, sei marce e si manovra con le leve dietro al volante.

    La produzione inizierà in autunno, mentre i clienti interessati a correre nel 2015 con una 650S GT3 dovranno versare un assegno di 400 mila euro.

    Fabiano Polimeni