Motor Show 2012: Fiat non ci sarà? Si attende solo l’ufficialità

Motor Show 2012: Fiat non ci sarà? Si attende solo l’ufficialità
da in Fiat, Motor Show Bologna 2016, Salone auto
Ultimo aggiornamento:

    Motor_Show_2012_Fiat

    Ed ecco che vi annunciamo l’ultima novità di Casa Fiat diramata oggi stesso dagli esponenti del Gruppo. Manca solamente la notizia ufficiale che il marchio del Lingotto non esporrà i propri modelli alla prossima edizione del Motor Show di Bologna 2012. Sia questo un piccolo passo che farà chiudere i battenti allo storico Salone nato nel 1976?
    Non è, in realtà, il primo anno che Fiat non parteciperà poiché l’aveva già fatto tre anni fa nel 2009. Non ci si spiega come questo possa accadere soprattutto se si pensa che Fiat ha questa sola occasione per mostrare le proprie vetture in terra nazionale con valenza internazionale o addirittura mondiale, dato il grande flusso di appassionati che ogni anno accorre alla manifestazione.

    La motivazione che fa riferimento a quanto stiamo per scrivere è, stando alle dichiarazioni di Sergio Marchionne, il pessimo momento economico che sta attraversando il costruttore italiano. Sarà così pessimo dopo il lancio di nuovi modelli quali Fiat Panda 2012, Fiat Punto 2012, iat F500 o Fiat Freemont? Solo per citarne alcuni… Non sembra che le vendite del marchio siano poi così malvage se si pensa che i suoi modelli sono nella maggior parte primi nel loro segmento per quanto riguarda il mercato italiano e il grande successo che stanno riscuotendo nei Paesi del sudamerica, citiamo ad esempio la Fiat Uno.

    La GL Events, azienda leader nell’organizzazione dell’intero Salone di Bologna, non si pone grossi problemi nel caso in cui Fiat non si presentasse con i suoi modelli poiché, comunque sia, la gran parte dei costruttori stranieri stanno, invece, nonostante anche loro presi da momenti economici non certo dei migliori, dando conferme di partecipazione. Vi annunciamo che probabilmente vedremo Volkswagen, Daimler, Toyota, Subaru e altri molti marchi che scopriremo in via ufficiale col seguire dei mesi. Grazie alle tante conferme l’edizione di quest’anno, nonostante la mancata partecipazione di Fiat appunto, sembra quindi non essere a serio rischio ma sicuramente non sarà una bella figura a livello mondiale non esporre modelli del calibro del Gruppo Fiat all’unico Salone italiano: terra in cui Fiat nasce e, ripetiamo, riscuote un grande successo di vendite.
    Sembra quindi che la giusta formula per far sopravvivere il Motor Show sia quella di far partecipare più e più marchi esteri e se Fiat pensa che esporre a Bologna non serva a livello di vendite si sbaglia quanto meno sotto il punto di vista degli appassionati di queste rinomate manifestazioni: eventi che alle loro spalle hanno storia e tradizione.

    Il Motor Show, sin dagli esordi, ha incamerato il suo grande successo in merito al giusto mix tra le esorbitanti esibizioni in pista ricche di emozioni, le presentazioni di auto e moto e le belle ragazze agli stand. Nel corso degli anni però le moto hanno cambiato destinazione ed infatti le si trovano all‘Eicma di Milano; il numero di spettacoli si è di conseguenza ridotto, è arrivata la crisi nel settore automotive e il tentativo mistico alla speranza di competere con manifestazioni come il Salone di Ginevra o quello di Parigi. La speranza di tutti gli appassionati è che il Motor Show non ci abbandoni e che ritorni agli albori degli anni passati, regalandoci uno spettacolo in grado di coinvolgere il maggior numero di espositori e pubblico.
    Non meravigliamoci poi molto se gli spettatori italiani sono spinti nell’andare al Salone di Ginevra, per citarne uno: consideriamo che lì, solamente il biglietto di ingresso costa solamente quelli che da noi sarebbero 12 euro, l’esatta metà, a confronto dei 24 euro del Motor Show di Bologna.

    760

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FiatMotor Show Bologna 2016Salone auto
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI