Nissan Leaf aggiornata negli USA, aspettando la seconda generazione [FOTO]

Nissan Leaf aggiornata negli USA, aspettando la seconda generazione [FOTO]
da in Auto Elettriche, Auto nuove, Nissan, Nissan Leaf, Restyling, Video Auto
Ultimo aggiornamento: Martedì 07/07/2015 23:54

    Nissan Leaf 2014

    Una batteria più potente, per incrementare l’autonomia. E’ il passo intermedio in attesa della nuova Nissan Leaf, la seconda generazione, attesa tra il 2017 e 2018. Negli States le vendite sono scese del 25% nei primi mesi del 2015, anche a causa della cessazioni di politiche di incentivi di cui aveva beneficiato l’elettrica giapponese, ora verrà proposta quella che in Europa è già stata presentata lo scorso anno, una Leaf con batterie da 30 Kwh (ingombri invariati) e un’autonomia dichiarata di 200 km, che nell’uso reale dovrebbe comunque assicurare 170-180 km. Per il futuro, invece, la berlina elettrica verrà proposta con diverse configurazioni di batterie, con un ampliamento deciso del range, fino a toccare 500 km, come dimostrato da un prototipo sul quale gli ingegneri Nissan sono al lavoro. Sarà cruciale per lo sviluppo della tecnologia che si possano evolvere in maniera netta proprio le batterie, sia per quanto riguarda il loro peso, nonché gli ingombri e i costi. E’ questa la sfida da affrontare e vincere per portare l’auto elettrica verso un futuro realisticamente più credibile.

    Ha dato la scossa a 65 mila automobilisti sparsi per il globo, la 100% elettrica e prima vettura del genere ad essere incoronata Auto dell’Anno nel 2011. Nissan Leaf è arrivata sul mercato con tante migliorie, ben 100 contandole una a una. Non solo accorgimenti estetici, ma tanta sostanza in più, interventi figli dei suggerimenti di chi, la LEAF, l’ha guidata e scelto uno stile di vita a impatto zero. In Europa, 10 mila LEAF circolano quotidianamente sulle strade e per dare un’idea di quale sia il contributo della Nissan elettrica, basti pensare che dal lancio a oggi si sono risparmiati oltre 358 milioni di litri di carburante, nei 380 milioni di chilometri complessivamente percorsi.

    Più connettività, maggior razionalità, migliore gestione delle fonti energetiche. Sono numerosi i settori sui quali gli ingegneri si sono messi al lavoro. Il risultato? Un concentrato di tecnologia, in attesa che arrivi la futura generazione, nel 2017 o 2018. Un ruolo centrale sulla LEAF lo svolge il sistema CarWings, “cuore” della telematica a bordo, connesso attraverso una sim card alla Rete, grazie al quale l’integrazione auto-smartphone può dirsi realtà.

    Cosa consente di fare? Ad esempio, si può pre-riscaldare o climatizzare l’auto a distanza, per averla accogliente già al momento di iniziare il viaggio. Il navigatore satellitare è integrato con il Google Send To Car, attraverso il quale dal pc si invia l’itinerario all’auto così da averlo già pronto. Ancora, grazie a un nuovo algoritmo di calcolo, la stima dell’autonomia residua viene fatta su un parametro fondamentale: lo stile di guida di chi è al volante, per avere previsioni accurate su quando sarà necessario ricaricare la LEAF.

    Il contenimento dei consumi è questione vitale su un’auto elettrica, quindi, anche i dispositivi di bordo devono contribuire alla giusta causa del risparmio. L’impianto audio Bose è riuscito a dimezzare le proprie richieste, mantenendo i livelli di qualità tipici del marchio.

    In ottica di massima efficienza si è lavorato anche sul software del navigatore che attraverso l’Eco Routing pianifica l’itinerario che assicura il maggior risparmio. L’intrattenimento e le notizie corrono veloci sulla Rete mobile e vengono riprodotti da uno schermo touch 7 pollici, con un nuovo lettore di feed Rss, oltre a riprodurre le immagini delle quattro microtelecamere per l’assistenza al parcheggio.

    Più autonomia

    Nella Nuova Nissan LEAF gli ingegneri hanno lavorato a lungo per aumentare l’autonomia che è causa di una mancata propensione all’acquisto. Per aumentare la percorrenza i tecnici hanno lavorato sia sul pacco batterie, sia sul motore e anche sull’elettronica di gestione ed il lavoro è stato ripagato bene: l’autonomia dichiarata ora è di 199 km. Finalmente è stato raggiunto il “limite psicologico” dei 200 chilometri, grazie auna capacità passata da 24 a 30 Kwh, senza modificare dimensioni e peso complessivo. Tra i miglioramenti apportati è stato decisivo il nuovo sistema di recupero dell’energia in frenata che è più efficiente del precedente, facendo raggiungere a Nissan LEAF un incredibile 94% di rigenerazione dell’energia termica, che sulle auto diesel o benzina andrebbe disperso.

    Quando arriverà il momento di caricare la batteria, si potrà optare per una colonnina pubblica, attraverso la quale si può effettuare una ricarica completa in 4 ore, oppure, comodamente a casa, in un tempo tra le 4 e 12 ore a seconda della potenza disponibile. Il costo? Tra i 4 e i 4,80 euro per avere le batterie cariche al 100%.

    Motore più leggero

    Nissan Leaf 2013-sistema di alimentazione

    Gli ingegneri Nissan hanno deciso di ottimizzare anche il sistema elettrico di alimentazione. Con notevoli affinamenti sono riusciti a diminuirne il peso di ben 80 chili ed inoltre sono riusciti a renderlo più compatto del 30% rispetto a quello montato sulla precedente generazione della LEAF. Altre novità degne di nota riguardano l’arrivo del riscaldamento per sedili e volante. Inoltre, è stato migliorato anche il climatizzatore automatico che, rispetto alla versione precedente, consuma meno corrente ed è più potente. Invariata la potenza, con 80 kW e ben 254 Nm di coppia massima, da gestire a piacimento. Infatti, con il pulsante EcoMode la LEAF è in grado di offrire una mappatura della centralina più dolce in accelerazione, a tutto vantaggio delle percorrenze.

    Estetica ritoccata e dotazioni maggiori

    Nissan Leaf 2013-interni

    Finora vi abbiamo parlato della tecnica della Nissan LEAF, ora tocca all’estetica. Dando un’occhiata alle immagini allegate in questo articolo si può notare il nuovo design dei cerchi in lega, ma non è l’unica novità: come optional saranno infatti disponibili delle luci a LED di colorazione blu che andranno ad inserirsi nei gruppi ottici anteriori. Nell’abitacolo, invece, trova posto una consolle centrale ridisegnata che ospita un nuovo display touchscreen a colori, nel quale sarà possibile visualizzare numerose informazioni relative alla vettura. Farà parte della dotazione a richiesta anche il sistema denominato Around View Monitor, una versione migliorata del sistema di visualizzazione della vettura a 360° già visto a bordo della Nissan Qashqai. Molte altre le novità riguardanti l’equipaggiamento della LEAF: si parte dal sistema di purificazione dell’aria all’interno della vettura e, passando per i nuovi vani portaoggetti situati all’interno dell’abitacolo, si arriva all’impianto audio di alta qualità sviluppato in collaborazione con Bose. Tutte queste dotazioni miglioreranno sensibilmente la qualità di vita a bordo della vettura che si dimostrerà decisamente migliore rispetto alla generazione attualmente in commercio.

    L’attenzione all’ambiente non si conclude con le emissioni zero del motore elettrico, va ben oltre. Oltre il 60% della plastica utilizzata per gli interni della nuova Nissan LEAF è infatti ricavato da materiali riciclati e ben il 99% del peso complessivo (1.474 kg) è composto da materiali recuperabili.

    Listino prezzi

    Elettrica:

    Nissan Leaf Visia 109 cavalli 30.690 Euro Nissan Leaf Visia Plus 109 cavalli 31.390 Euro Nissan Leaf Acenta 109 cavalli 33.890 Euro Nissan Leaf Tekna 109 cavalli 36.590 Euro

    1265

    ARTICOLI CORRELATI