Nissan Micra 2010, l’auto globale

La nuova Nissan Micra sarà prodotta presso lo stabilimento di Chennai in India

da , il

    nissan micra india

    La Nissan Micra si prepara a riconquistare il mercato. La city car sarà una cosiddetta auto globale, un veicolo destinato a essere commercializzato nella totalità dei mercati d’interesse, oltre 160. Per coprire il fabbisogno previsto per la domanda globale, la Nissan ha inugurato un nuovo impianto produttivo a Chennai, in India. Da lì usciranno 400.000 vetture, quasi la metà dell’intero stock produttivo annuale. Lo stabilimento è il primo a riportare la duplice etichetta Renault-Nissan ed entrerà definitivamente in funzione il prossimo mese di maggio.

    E’ costruito in prossimità del centro di ricerca e sviluppo istituito dall’alleanza fraco-nipponica, il Technology and Business Centre India Private Ltd (RNTBCI). Darà lavoro a circa 1.500 operai, con un coinvolgimento complessivo di 6.000 unità lavorative locali, legate ai sei rapporti di fornitura.

    Oltre alla Nissan Micra, la sua capacità produttiva sarà sfruttata per dar costruire altri due modelli, questa volta di casa Renault, la nuova Renault Fluence, berlina mossa da motore ibrido, e la Renault Koleos, crossover; entrambe saranno introdotte nel mercato indiano nel 2011.

    L’impianto è stato inaugurato da Carlos Ghosn, amministratore delegato di Renault-Nissan che ha contestualizzato l’investimento di 990 milioni di dollari: l’India è un bacino strategico per l’alleanza, che si rivolge ai mercati emergenti nell’era post-crisi. E post-incentivi.

    Il mercato è pronto per city car come la Nissan Micra, auto che permettono alla nascente classe borghese di passare dalle prime, rudimentali quattro ruote – Tata Nano – a qualcosa di più… di più… Diciamo di più.