Non si può multare chi passa col rosso perchè resta imbottigliato nel traffico

da , il

    Non si può multare chi passa col rosso perchè resta imbottigliato nel traffico

    Giustizia è stata fatta, almeno stavolta ci ha pensato la Corte di Cassazione a dipanare la matassa rappresentata, nello specifico, da un automobilista multato per essere passato col rosso, nonostante allo stesso null’altro restava da fare.

    Lo ha reso noto l’ASAPS e fa riferimento al caso occorso al conducente di un’auto rimasto al centro dell’incrocio perché inglobato dal traffico della strada, ciò, nonostante il semaforo alle sue spalle continuasse a proiettare la luce rossa.

    E’ a questo punto che, con Sentenza n.9167 del 18 aprile u.s. la Suprema Corte, rigettando l’originaria sentenza del Giudice di Pace che aveva dato torto al ricorrente, ha sentenziato che, nella fattispecie non v’era volontà, da parte dell’automobilista, di passare col rosso e, dunque, sbaglia il Giudice di Pace che ha omesso “completamente di esaminare e motivare in ordine all’eccepita inesistenza dell’elemento soggettivo, limitandosi ad affermare il valore probatorio ex articolo 2700 del Codice Civile dell’impugnato verbale, incorrendo così nella violazione di cui all’articolo 112 del Codice di procedura civile, per omessa pronuncia, di fatto denunciata nella doglianza del ricorrente”.

    Il giudice di merito dovrà anche decidere sulle spese di giudizio.In altre parole, come fa un automobilista a districarsi dall’incrocio, anche quando sullo stesso il semaforo proietti luce rossa, se ha iniziato la manovra col verde, ma al contempo resta imbottigliato, sine die, nell’ingorgo, senza possibilità alcuna di sgomberarlo?