Nuova Renault Twingo: il “parto” in Slovenia

da , il

    Nuova Renault Twingo: il “parto” in Slovenia

    Ai nastri di partenza la nuova Renault Twingo e la Casa francese, in occasione del lancio, fa sapere alla clientela che la nuova city car, di cui abbiamo già parlato in diverse occasioni, relativamente al mercato europeo, verrà costruita in Slovenia, nello stabilimento di Novo Mesto.

    Interessante anche osservare i numeri che riguardano la prima fase di produzione di questo importante modello Renault che segna la svolta decisiva, in chiave moderna, finalizzata alla sostituzione della ormai mitica Twingo, ad oltre 15 anni dal suo primo debutto.

    Uno sguardo ai numeri per renderci conto della valenza che la nuova Twingo rappresenta per Renault, se solo si pensi che la Casa automobilistica ha stanziato 400 milioni di euro e assunto 700 persone, che sono state formate agli standard Renault, oltre ad aver ridotto l?investimento iniziale del 25% rispetto a quello di New Clio.

    Inoltre, per l?arrivo di New Twingo, il sito è stato modernizzato e dotato di nuove tecnologie, quali una linea di presse capaci di produrre parti voluminose della carrozzeria. Lo stabilimento si è dotato, inoltre, di apparecchiature più performanti di cataforesi (trattamento superficiale della scocca) e di una pista di prova coperta.

    E, a sottolineare l?importanza che il nuovo modello assume per Renault, si ricorda che, in atto, le persone in organico, dopo le ultime assunzioni, risultano oltre 3000 in un unico stabilimento con tre turni di produzione. Proprio a significare l?importanza dell?investimento e la qualificazione del personale assunto, c?è da dire che tutti gli operatori, in busta paga, hanno acquisito un alto livello di specializzazione, a dimostrazione di quanto detto, il fatto di aver seguito, corsi di formazione della durata di 70 ore finalizzato al montaggio della nuova auto che andrà ad affiancare anche la produzione della Clio II.

    Interessante anche osservare la strategia complessiva di Renault per ridurre drasticamente i costi di produzione della nuova Twingo, basti pensare che, non a caso, lo stabilimento ospita anche la Clio II, proprio per razionalizzare i costi di produzione, se solo si pensi che, grazie alla tecnica del ?carry-over?: il sottoscocca completo di Clio II ? apprezzata per le performance dinamiche ed il livello di sicurezza ? è stato parzialmente reintegrato in quello di New Twingo. Questo metodo ha evitato costi di sviluppo ed adattamento degli impianti: l?investimento iniziale per New Twingo è inferiore del 25% circa a quello stanziato per New Clio.

    Tutto ciò, infine, risulterà quanto mai efficace anche per ridurre i tempi di consegna della vettura, forte dell?esperienza avutasi proprio con Clio che da tempo costruita in questo stabilimento è stata incoronata fra le auto più ?puntuali? in termini di consegna rispetto alle date promesse dall?azienda produttrice.

    Sarà la Francia a beneficiare, a partire dal 15 giugno, per prima del nuovo modello Renault, a questa nazione seguirà, subito dopo, la Slovenia e, dunque, l?Italia, cui seguiranno, nel volgere di qualche mese, tutti gli altri Stati europei.

    Una vettura, la nuova Twingo, che si appresta ad affrontare un mercato quanto mai difficile, se solo si pensi cosa l?attende all?orizzonte da parte dei competitors, ma i francesi sembrano quanto mai ottimisti anche in quest?ottica, forte quanto mai della consapevolezza che il grado tecnologico della nuova city car sarà quanto mai idoneo a fronteggiare al meglio qualsiasi concorrenza dovesse arrivargli negli anni.