Salone di Parigi 2016

Nuove cabrio e spider 2016: le novità auto più attese dell’anno [FOTO]

Nuove cabrio e spider 2016: le novità auto più attese dell’anno [FOTO]

    Le vetture scoperte, le nuove cabrio e spider 2016, possono sempre contare su una fascia fedele di appassionati, sebbene non sia più così diffusa come una volta. Per cui le case continuano a proporre parecchie versioni decappottabili dei propri modelli. Proponiamo in questa rassegna dieci delle scoperte più rappresentative che nel 2016 fanno il loro ingresso sui listini europei. Le vetture sono elencate in ordine alfabetico.
    L’elemento che più salta all’occhio della nuova serie di questa compatta premium francese è la presenza del marchio DS al posto di quello Citroën, da quando c’è stata la separazione delle due gamme di prodotti. Questa vettura è stata sottoposta ad un generale aggiornamento tecnologico, dalle dotazioni di sicurezza ai sistemi di comunicazione e intrattenimento. Gli amanti della sportività possono in particolare contare sui due allestimenti Performance col motore 1.6 turbo da 208 cavalli, assetto ribassato e differenziale Torsen.
    La successione dalla onorata e veneranda 458 verso la 488 si completa con la versione scoperta, presentata a Francoforte 2015. Il tetto è veloce come la macchina: 14 secondi per farlo sparire. Poi i 670 cavalli dello scatenato V8 3.9 biturbo e 3 secondi nell’accelerazione 0-100.
    Uno dei ritorni più attesi e ambiziosi, perlomeno pensando al glorioso nome che porta. La scoperta di casa Fiat è stata presentata al salone di Los Angeles. La Fiat 124 Spider condivide la piattaforma con l’altrettanto rinomata Mazda MX-5. Così come l’antenata di fine anni ’60, la vettura moderna propone due posti, motore anteriore a 4 cilindri e trazione posteriore. Impostazioni per esaltare il piacere della guida, affidato principalmente al 1.4 Turbo Multiair da 140 cavalli.

    Nuovissima, verrà presentata al salone di Ginevra 2016 insieme alla gemella con carrozzeria coupé, la Jaguar F-Type SVR è una supercar in tutto e per tutto. 309 Km/h di velocità massima grazie al motore V8 5.0 turbo che regala 575 cavalli. E tanta tecnologia.

    Così come la diretta rivale di Maranello, anche la sportiva estrema scoperta di Sant’Agata Bolognese ha visto la luce all’ultimo salone di Francoforte. La massima attenzione progettuale è stata rivolta per mantenere le stesse prestazioni della coupé anche senza il tetto, senza soffrire in perdita di rigidità torsionale del telaio o efficienza aerodinamica. E sotto il cofano lo stupendo ruggito del V10 5.2 aspirato da 610 cavalli.

    Ancora dobbiamo vederla (la foto in gallery è un rendering di appassionati). L’anteprima mondiale della Mercedes Classe C cabrio avverrà a marzo al salone di Ginevra. Gli indizi provenienti dalle varie foto spia indicano una notevole somiglianza con la Classe S cabrio, sebbene più in piccolo. Quindi siamo già tranquilli quanto a bellezza e fascino. Tetto in tessuto ma, come le sorelle più grandi, estremamente sofisticato.

    L’erede della SLK arriva fresca fresca da Detroit 2016, dove è stata presentata in anteprima mondiale. Tetto rigido azionabile fino a 40 Km/h, meccanica della Classe C, grande sofisticazione tecnologica e ampia varietà di motori, compreso il V6 biturbo AMG da 367 cavalli.
    Nei concessionari da aprile, la “piccola” di casa Porsche sfoggia i motori a 4 cilindri turbo, sempre boxer ma montati in posizione posteriore centrale e non a sbalzo come sulla 911. Si parte dal 2.0 da 300 cavalli per arrivare al 2.5 da 350 cavalli. La sigla 718 ci trasporta dritti alla Targa Florio del 1959 e del 1960, vinte dalla Porsche che portava questo nome. L’attuale è la versione scoperta della Cayman.

    Un Suv cabrio non si vede spesso, è infatti la prima volta per la casa inglese. Presentata lo scorso novembre a Los Angeles, la scoperta Evoque ha un tetto in tessuto azionabile in 21 secondi fino a 50 Km/h. Motori 2.0 turbo, a benzina da 240 cavalli e diesel da 150 e 180 cavalli. Trasmissione automatica a nove rapporti con la trazione integrale.

    La piccola urbana di casa Mercedes in versione scoperta ha praticamente il tetto, in tessuto, più veloce del mondo. Nel senso che è apribile elettricamente fino alla velocità massima della vettura, che è di 155 Km/h. Insieme al tetto, alla pressione di un pulsante, scendono anche i finestrini, per lasciare la vettura completamente scoperta. La progettazione è accurata al punto che i rumori sono ridotti al minimo, anche durante la marcia scoperta.

    869

    Salone di Parigi 2016

    ARTICOLI CORRELATI