Motor Show Bologna 2016

Prezzi benzina alle stelle? Come guidare per risparmiare

Prezzi benzina alle stelle? Come guidare per risparmiare

Con il prezzo della benzina alle stelle una guida ecologica aiuta ambiente e portafoglio

da in Incentivi Auto, Prezzo benzina
Ultimo aggiornamento:

    Ford_EcoDrive

    16 gennaio 2012: l’Italia è al primo posto della triste classifica europea sul caro benzina, un litro di benzina verde al distributore si attesta sui 1,759 euro (prezzo medio) e tende al rialzo. I pricipali fattori che influiscono sulla situazione italiana sono di tipo strutturale (chiamando in causa l’efficienza stessa della distribuzione) e l’elevata componente fiscale (le tasse accise + iva pesano per oltre la metà del prezzo).

    Nel 2012 ci saranno 1,4 milioni gli italiani che, avendo causato un incidente, cambieranno la loro classe di merito, dato più basso rispetto a quello dello scorso anno, che riflette anche la scelta di molti italiani di rinunciare, per questioni economiche, all’automobile.

    Con queste premesse ci sembra utile dare dei semplici consigli per guidare la propria auto risparmiando nel consumo del carburante e riducendo i costi di manutenzione.

    Le tecniche e i consigli si dividono i due grosse categorie, attenzione alla guida e all’auto.

    CONSIGLI SULLA GUIDA

    Anticipare la strada
    Questo è utile naturalmente se si conosce la strada (applicabile ad esempio nel tragitto casa ufficio) in modo da poter gestire meglio accelerate e frenate. Si deve sempre essere un passo avanti, guardando all’incrocio oppure alle mosse del guidatore che ci precede o ancora al comportamento del semaforo. Così facendo si evitano accelerazioni inutili con brusche frenate, repentini cambi di ritmo e, peggio ancora, incidenti. In questo senso la distanza di sicurezza risulta la regola base da seguire, sempre.

    Regolarità
    Mantenere una velocità costante permette consumi minori ma questo dipende naturalmente anche da che tipo di strade percorriamo.

    Cambiare marcia al momento giusto
    Cambiare ad un numero di giri troppo basso o troppo alto aumenta i consumi ma se manteniamo una velocità il piu’ possibile costante possiamo cambiare senza troppi problemi riducendo del 10% e 15% i consumi. (in un auto munita di 6 marce sono consigliabili cambi di marcia dalla seconda alla quarta e alla sesta saltando le intermedie). La lancetta dei giri del motore dovrebbe sempre stare tra i 1000 e i 2000 giri al minuto.

    Riduzione carico elettrico
    Sedili riscaldati, aria condizionata, sbrinatori incidono notevolmente sui consumi; usarli solo se necessari.

    Spegnere motore durante le soste
    Per le soste lunghe evitare il motore acceso al minimo, sembra scontato ma non per tutti

    Finestrini
    Le turbolenze aerodinamiche causate da finestrini aperti causano un elevato aumento di consumi

    Frenare
    Meglio decelerare che frenare: il freno è una risorsa fondamentale, ma dev’essere utilizzato solo se necessario. Seguendo le regole di cui sopra si scopre che si userà molto meno, preferendo la decelerazione. Alzando il piede dall’acceleratore e mantenendo la distanza di sicurezza, si fluidifica l’andatura in occasione di rallentamenti.

    Ford_Focus

    CONSIGLI SULLA MANUTENZIONE AUTO

    Pressione Pneumatici
    La corretta misura della pressione dei pneumatici puo’ migliorare i consumi anche del 3% oltre ad una maggiore sicurezza.

    Peso eccessivo
    Meno peso vuol dire meno carico per il motore, anche soli 20kg di peso extra aumentano i consumi dell’1% (in particolare nella guida in città).

    Portapacchi e Accessori esterni
    Questi oggetti modificano l’aereodinamica dell’auto causando un maggior consumo di carburante aumentando la resistenza esterna con l’aria.

    Oltre a questi semplici consigli che possiamo mettere in pratica quotidianamente possiamo intervenire con la tecnologia cosidetta “GREEN” acquistando un auto con dotazione tecniche non da modello base

    Ford's Eco Mode display

    TECNOLOGIE GREEN

    Ecomode
    La funzione del computer di bordo fornisce un’analisi del modo di guidare consigliando uno stile piu’ economico.

    Indicatore cambio marcia
    Suggerisce il momento migliore per cambiare evitando cosi’ di sforzare il motore.

    Auto-start-stop
    Spegne automaticamente il motore durante le soste nel traffico o al semaforo, riaccendendolo istantaneamente alla pressione della frizione.

    Sistema di regolazione termica
    Visto che i motori raggiungono il massimo dell’efficenza quando sono caldi e consumando meno questo sistema riduce i tempi di riscaldamento.

    Motori ecoboost
    Motori turbo ad iniezione diretta che riducono i consumi ed emissioni di CO2.

    Active Grille shutter
    Sistema intelligente che apre la griglia anteriore di aereazione solo quando necessario al raffreddamento del motore migliorando l’aereodinamica.

    Ma quanto si può risparmiare nella pratica, su un percorso misto su strada? La risposta è fatta di numeri inequivocabili che indicano il rapporto tra litri e chilometri oppure di euro all’anno. Numeri pesanti, fatti di piccole cifre, che tutte insieme diventano una somma importante. Per comprendere meglio quanto una guida ecologica possa far risparmiare, abbiamo guidato una Ford Focus 1.6 TDCi diesel su un percorso misto intorno a Schloss Ahrenthal di Sinzig, con un primo giro “di guida libera” senza particolari indicazioni e uno più disciplinato, dopo un minicorso con un istruttore Ford.

    I risultati parlano chiaro: il consumo medio di litri ogni 100 km cala drasticamente, ma andiamo con ordine.
    Il percorso di circa 51 km era una sorta di anello, immerso nella vegetazione per buona parte, con piccoli paesi con le caratteristiche case della zona a spezzare il panorama. Nemmeno a farlo apposta, in cima al “gran premio della montagna” abbiamo affrontato una bufera di neve, scomparsa poi dopo qualche minuto per lasciare spazio a un sole inaspettato. Durante il primo giro si è andati lisci, cercando ovviamente di non forzare troppo i cambi. Il risultato finale è stato di 5.3 litri ogni 100 km di media: “Un buon risultato”, commenta l’istruttore. Ecco i risultati, i numeri che contano

    risultati_prova

    Nel secondo giro abbiamo messo in pratica tutte le precedenti regole e il risultato ha parlato da solo: appena 4 litri per 100 km di media – il migliore risultato tra tutti i team di giornalisti presenti , per altro – ossia 25 km al litro. Un dato niente male, come hanno confermato gli stessi istruttori. Da 5.3 a 4 litri ogni 100 km di media, il ribasso è del 24.5 per cento per un risparmio annuale di ben 371.8 euro. Se consideriamo il costo della benzina nel nostro paese il risparmio diventa di 442 euro. Come è stato calcolato? Prendendo una media di 20.000 km all’anno procapite e il prezzo medio di benzina e gasolio in Germania ossia rispettivamente 1.55 e 1.43 euro al litro. Emblematico il caso del team anglo-danese che ha completato il primo giro con un consumo medio di 7.6 litri ogni 100 km e si è migliorato a 4.9 litri ogni 100 km per un ribasso del 35.5% e dunque un risparmio annuale di addirittura 837 euro.
    Sicuramente non è una guida divertente ma visto i costi attuali della benzina forse vale la pena farci un pensierino. Inoltre in un anno risparmieremmo non solo 442 euro ma eviteremmo che 442 KG di CO2 possano finire nell’atmosfera che equivale a salvere 18 alberi, non male.

    1302

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Incentivi AutoPrezzo benzina

    Motor Show Bologna 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI