Prezzo benzina, nuovi aumenti

Il prezzo dei carburanti in Italia continua ad aumentare ed è stata superata la soglia media di 1,50 euro al litro

da , il

    prezzo benzina aumento

    Continuano gli aumenti del prezzo dei carburanti: la benzina supera il costo di 1,50 euro al litro. Nella giornata di ieri IP e Q8 sono state le prime a cambiare i prezzi. È quanto sostiene il monitoraggio di Quotidiano Energia, che precisa che la media nazionale dei prezzi della benzina va dall’1,488 euro al litro degli impianti Eni, all’1,5 di Tamoil. IP che era rimasta ferma ai vecchi prezzi, quando tutti gli altri avevano aumentato, ha cambiato listino in questi giorni aumentando la benzina di 3 centesimi, il diesel di 2 centesimi e il Gpl di 1 centesimo.

    Q8 è avanzata di 1 centesimo solo sul gasolio. In Italia si registra quindi il superamento della soglia di 1,5 euro al litro sulla benzina per Tamoil e di 1,4 euro al litro per il diesel per Q8 e Tamoil. Per il diesel si passa dall’1,373 euro al litro di Eni all’1,382 di Q8. Il Gpl invece è tra lo 0,778 euro al litro di Shell e TotalErg e lo 0,785 degli impianti IP. Secondo l’Istat a dicembre i prezzi della benzina sono saliti del 9,9% su base annua e del 2,5% su base mensile. I prezzi del gasolio per auto sono cresciuti del 14,5%, mentre per quanto riguarda il gpl si è registrato un rialzo annuo del 21,3%.

    I consumatori lanciano l’allarme, secondo loro il prezzo della benzina rischia di raggiungere quota 1,80 euro al litro entro l’estate se non ci saranno interventi per bloccare le speculazioni sui listini. Il Codacons sostiene che l’unica soluzione è quella di rifornirsi dai distributori indipendenti, che praticano listini fino a 10 centesimi in meno al litro rispetto ai gestori tradizionali. L’elenco completo e aggiornato delle pompe bianche presenti in Italia è disponibile gratuitamente sul sito www.codacons.it.