SAIC YeZ, auto più ecologica al mondo

SAIC YeZ, auto più ecologica al mondo

La SAIC, fabbrica cinese di automobili, ha costruito un prototipo di nome YeZ che viene alimentato dall'energia solare ed eolica

da in Auto Elettriche, Concept Car, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:

    Dal Salone di Shangai, dello scorso aprile e vetrina internazionale dell’automobile, SAIC ha voluto tirare fuori dal cilindro una vettura futuristica, nel vero senso della parola. La fabbrica cinese di auto, dopo avere stipulato un accordo commerciale con VW e GM, ha annunciato di avere costruito un prototipo di automobile che potrebbe sconvolgere tutto il mondo dell’auto, in un prossimo futuro. Ne è venuta fuori una concept-car che potrebbe essere l’uovo di Colombo per il prossimo decennio.

    La decisione, poi, di assegnare a questo prototipo il nome di foglia, in cinese yez appunto, sta a significare che la vettura SAIC ha davvero un’anima verde. Si tratta, infatti, forse dell’auto più pulita di tutte, la YeZ, in quanto viaggia con energia solare ed eolica e, addirittura, riesce ad assorbire anidride carbonica, proprio come farebbe un vegetale. Per il momento, il prototipo YeZ è una vettura a due posti secchi, con un tettuccio costituito da pannelli fotovoltaici orientabili, in modo che sia possibile catturare i raggi del sole con la migliore angolazione e dare la maggior potenza al motore e alle ruote.

    Queste ultime, a loro volta, sono costruite in modo tale da incorporare delle piccole turbine eoliche, in grado di generare anch’esse energia elettrica.

    Il prototipo YeZ, dunque, uscito quasi dalla fantascienza, risulta un vero e proprio laboratorio ambulante, anche se non è chiaro quanta energia riesca a produrre il tetto fotovoltaico, né le piccole turbine eoliche montate sulle ruote. Ciononostante la vettura è stata prodotta e dimostra la tecnologia e l’inventiva cinese, cosa che, fin’ora, era stata considerata di bassa levatura.

    Non è tutto, perché la SAIC YeZ è costruita con un materiale che potrebbe essere considerato rivoluzionario: il MOF. Acronimo di metal organic framework, il materiale sarebbe in grado di assorbire delle quantità di gas presenti nell’ambiente circostante, vedi Co2, grazie alla porosità della sua costituzione. Sei i polimeri dei suoi materiali dovessero confermare le previsioni, saremmo in presenza di un’autovettura da Star Trek.

    376

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto ElettricheConcept CarMondo auto Ultimo aggiornamento: Domenica 05/07/2015 10:20
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI