Motor Show Bologna 2016

Salone di Los Angeles 2015, le novità attese

Salone di Los Angeles 2015, le novità attese
da in Auto 2015, Salone auto, Salone Los Angeles 2016

    E’ l’ultimo appuntamento di rilievo dell’anno, il salone di Los Angeles 2015. Detroit apre il calendario e Los Angeles idealmente lo chiude. Nonostante si posizioni a poche settimane dall’appuntamento di Tokyo, quest’anno vedremo ben 33 anteprime mondiali alla kermesse statunitense, modelli che giocheranno buona parte del loro successo sul mercato nordamericano ma anche proposte rilevanti per il continente europeo. I suv si caratterizzano per proposte dalle dimensioni importanti, come Mercedes GLS e Mazda CX-9, le sportive invece vedono Cayman GT4 Clubsport e Bmw M2 Coupé brillare più di altre.

    La sportivissima compatta coupé ha numeri buoni per rivaleggiare con BMW M4. Il motore 3 litri biturbo sei cilindri arriva a sviluppare 370 cavalli e mutua alcune soluzioni proprio dalla sorella maggiore. Il look di BMW M2 coupé è influenzato da paraurti sportivi, cerchi maggiorati, carreggiate ampliate e quattro terminali di scarico in coda. | APPROFONDISCI |

    Di fatto è già stata presentata in due diverse occasioni, ma per Honda Civic berlina tre volumi il debutto ufficiale sarà al Salone di Los Angeles. Cambia profondamente lo stile, debuttano nuovi motori, con il turbo benzina 1.5 litri particolarmente interessante in ottica futura, quando la cinque porte due volumi arriverà in Europa. Già si lavora alacremente sulla variante Type-R, altra novità per gli States. | APPROFONDISCI |

    La berlina media in casa Hyundai è storicamente stata la Elantra. A Los Angeles la matita di Peter Schreyer traccia linee interessanti ed equilibrate. Forme morbide e sinuose, buone per suggerire un modello accattivante, che consenta ai coreani di ritagliarsi un piccolo spazio nel segmento dei costruttori generalisti. I mercati nordamericani saranno quelli sui quali puntare maggiormente. | APPROFONDISCI |

    E’ la declinazione crossover di Infiniti Q30. Progetto sviluppato su base Mercedes GLA, segue il lancio della berlina. Forme avveniristiche e spigolose quelle tracciate da Alfonso Albaisa, buone per differenziare il prodotto di casa Infiniti da Mercedes, nonostante la totale condivisione dello schema tecnico. Avrà le stesse motorizzazioni e specifiche di Infiniti Q30, pertanto aspettiamoci motori con potenze tra 109 e 211 cavalli e trasmissioni 6 marce manuali e 7 marce doppia frizione. | APPROFONDISCI |

    Finalmente arriva il rinnovamento del suv dalle dimensioni più importanti. Dopo 8 anni si inaugura un nuovo corso, quello del Kodo design e della piattaforma SkyActiv per il suv da 4 metri e 90 circa. Era rimasto un prodotto estraneo alla gamma Mazda, l’attuale CX-9, impossibile ravvisare punti di contatto con l’interessante offerta del marchio giapponese. Al Salone di Los Angeles arriva un progetto che riprende molti particolari di stile dal concept Koeru visto a Francoforte, nonché conferma l’inserimento nel segmento di Mazda 6, con la quale dovrebbe condividere il pianale. | APPROFONDISCI |

    E’ un restyling di fatto, da Mercedes GL a Mercedes GLS. Tuttavia, le novità sono tali che si può definire un suv fortemente evoluto rispetto alla GL. Lo stile varia ma non in maniera clamorosa, arrivano nuovi gruppi ottici, il pacchetto AMG Line, particolari minori, è a bordo che si ritrovano i contenuti principali, dalla multimedialità al disegno della plancia e del tunnel, nonché le soluzioni per la sicurezza attiva e passiva. | APPROFONDISCI |

    Dopo la Clubman, tocca alla cabrio ampliare la gamma dell’ultima generazione Mini. La capote in tessuto resta invariata nei materiali, l’automatismo è interamente elettrico e permette anche di aprire solo una porzione di tetto. Interessante anche la scelta di nascondere i roll bar posteriori, che fuoriescono all’occorrenza, in caso di imminente ribaltamento, con un tempo di attivazione di pochi millisecondi. Motori, trasmissioni e telaio sono quelli già apprezzati su Mini 3 porte. | APPROFONDISCI |

    E’, forse, il prodotto che più di tutti riuscirà a catturare l’attenzione degli americani. Un suv-cabriolet non si vedeva dai tempi del Murano, sebbene fossero altre le proporzioni (e la riuscita stilistica). Evoque cabrio adotta una capote in tessuto con cinematismo a Z, lancia un nuovo infotainment con display da 10,2 pollici e conferma tutte le doti fuoristradistiche già apprezzate sulle Evoque chiuse. | APPROFONDISCI |

    889

    Motor Show Bologna 2016

    ARTICOLI CORRELATI