Seat Exeo: caratteristiche tecniche

Seat Exeo: caratteristiche tecniche

Una vettura che riprende in maniera un po' pedissequa elementi che sono della Audi A4, parliamo della Seat Exeo che vedrà il suo debutto anche commerciale il prossimo mese a prezzi sicuramente concorrenziali

da in Anteprima auto, Auto 2009, Berline, Seat, Seat Exeo
Ultimo aggiornamento:

    Eredita un compito difficile, la Seat Exeo; quello di sostituire la Seat Toledo, un’auto che non è mai piaciuta agli italiani, in particolar modo, visto il design davvero sui generis al punto che alla Casa spagnola con la Seat Exeo hanno preferito puntare su una sorta di classicità che non delude mai.

    Il risultato è un’auto, appunto la Seat Exeo che si avvicina molto per design e contenuti alla Audi A4, sia in configurazione berlina che station Wagon o Avant per chiamarla come si fa nella Casa degli Anelli.

    Il revival vincente

    Una riflessione ha colto il management Seat, perché non fare come Fiat ha fatto con la Punto Classic, ma la stessa cosa vale per Peugeot con la 206 e con altri produttori che non hanno mai voluto abbandonare, né tanto meno gettare alle ortiche, vetture sostituite da modelli nuovi ma ancora validi e vendibili.

    Partendo da questo presupposto si è giunti alla Seat Exeo che recuperando il progetto A4, che non viene più prodotta da due anni, hanno realizzato una gradevole vettura che si rifà alla berlina di Ingolstadt.

    La Seat Exeo, infatti, interpreta quasi la metà degli interi componenti Audi, anche se sulla vettura spagnola si è impresso forte il lavoro dei designers spagnoli per rendere l’auto imparentata con le altre vetture iberiche della Casa. Lo si percepisce bene all’interno dove l’aria Audi si respira eccome, con pochi spunti personali targati Seat e, troppi forse, ascrivibili alla Casa degli Anelli, per’altro utilizzando materiali più economici rispetto all’Audi A4.

    Motori collaudati, questa l’arma vincente

    Diversi i motori impiegati in Seat Exeo, visto che almeno inizialmente sono previsti tre motori benzina da 1.600 cc. di cilindrata da 102 cavalli di potenza, un 1.800 da 150 cavalli ed un 2,0 litri TFSI da 200 cavalli cui si aggiungono tre turbodiesel da 2,0 litri di cilindrata da 120, 143 e 170 cavalli di potenza, mentre i cambi marcia sono tutti a sei rapporti.


    Il risultato è un’auto che si fa guidare bene, con un’adeguata potenza e vivacità anche per quanto concerne gli organi direzionali con la caratteristica in quest’auto di ottenere bassi consumi con percorrenze di oltre 17 chilometri con un litro di gasolio ed emissioni di CO2 accettabili, 153 gr/km.

    Equipaggiamento abbastanza completo

    Tre sono le versioni della Seat Exeo che, indipendentemente dai motori, si presentano adeguatamente equipaggiate. Si parte dalla Reference per passare alla Stylance per giungere infine alla Sport.

    Di serie anche nella versione più economica ritroviamo l’ABS, sei airbag, quattro alzacristalli elettrici, un sofisticato impianto radio/CD/MP3, la presa USB, i cerchi non in lega leggera da 16 pollici di diametro, il climatizzatore bi-zona, il computer di bordo, l’ESP ed il controllo di trazione, i fendinebbia, gli specchietti elettrici e riscaldabili esterni.

    Insomma, un’auto che convince visti anche i prezzi di partenza intorno ai 22.000 euro; interessanti sicuramente, ma con un dubbio che ci assale; fa bene la Volkswagen ad utilizzare un marchio noto come può essere la Seat, per riciclare modelli ormai pensionati o alla lunga questa abitudine potrebbe addirittura nuocere alla Casa iberica?

    E se così fosse, vuole il marchio Volkswagen evitare che Seat infastidisca i propri modelli di successo ascrivibili all’Audi?
    Foto tratte da Newstreet

    622

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Anteprima autoAuto 2009BerlineSeatSeat Exeo
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI