Skoda: diciasette anni di successi con Volkswagen

Importantissima, al punto da cambiare significativamente la filosofia della Casa automobilistica ceca, fu la presentazione della Skoda Octavia, un’auo di successo, qualitativamente ottima e proposta da sempre ad un prezzo abbastanza contenuto se si considera il segmento di appartenenza

da , il

    Skoda: diciasette anni di successi con Volkswagen

    Correva l?anno 1991 quando la Skoda, che attraversava un periodo contrassegnato da diverse vicende anche economiche non del tutto floride, si lasciò sedurre dalla offerta della Volkswagen che aveva visto in questa realtà aziendale delle ottime potenzialità da sfruttare.

    La trattativa fu veloce e nel giro di poco tempo, ad acquisizione avvenuta da parte dei tedeschi, non soltanto la Casa ceca fu proiettata quasi di botto in oltre 100 Paesi nel mondo, ma la mano teutonica si palesò immediatamente nei modelli Skoda, trasferendo in essi tutta la qualità e l?esperienza costruttiva che il Gruppo tedesco aveva in sé ma con la particolarità di avere prezzi sicuramente più bassi ed in linea col mercato.

    Oltretutto la Casa di Vaclav Klement e Vaclav Laurin, fondatori del marchio automobilistico, aveva di fatto quasi interamente azzerato la gamma di modelli a disposizione, escluso la Skoda Favorit che al momento dell?acquisizione da parte di Volkswagen era sul mercato da circa tre anni, ancora costruita con criteri arcaici e superati, tant?è che all?avvento dei tedeschi si mise mano proprio a questo modello ? europeizzandolo ? e realizzando anche una variante station wagon, la Forman facendole anche riscuotere un discreto successo fatto di poco meno di 800 mila vetture vendute in cinque anni.

    Ma una prima svolta decisiva avvenne nel 1994 con la Felicia, una ? piccola ? che presentava caratteristiche interessanti per i tempi al punto che di quest?auto se ne vendettero quasi un milione e mezzo di esemplari in poco più di sei anni, vettura che fu proposta anch?essa in versione berlina e station wagon; oltretutto la grande novità stava nel fatto che la Casa tedesca esportò anche in Skoda la propria tecnologia fatta di motori tedeschi costruiti dal Gruppo.

    Importantissima, al punto da cambiare significativamente la filosofia della Casa automobilistica ceca, fu la presentazione della Skoda Octavia, un?auo di successo, qualitativamente ottima e proposta da sempre ad un prezzo abbastanza contenuto se si considera il segmento di appartenenza. Correva l?anno 1996 quando fu presentata la prima generazione della Skoda Octavia e, ancora in produzione, realizzata in numerose serie, della vettura ne sono state prodotte quasi un milione e 400 mila esemplari.

    Alla fine dello scorso millennio invece fu la volta della Skoda Fabia che mandò in pensione la obsoleta Felicia e che si presentava a 4, 5 porte e station wagon e anche questo è stato un successo, non stravolgente ma importante. Poi toccò all?ammiraglia Superb che a maggior ragione oggi, in tempi di crisi dell?auto quando anche le auto di alto di gamma vengono acquistate con una maggiore oculatezza puntando anche al risparmio, rappresenta una buona opportunità per un marchio che ha fatto del rapporto qualità prezzo il suo cavallo vincente.

    Attualmente la gamma Skoda si avvale di quattro modelli a loro volta declinati in diverse versioni, parliamo di Skoda Fabia, Octavia, Superb e Roomster, la prima multispazio di Skoda che a meno di tre anni dalla presentazione ha già venduto oltre 150 mila vetture, ma gli occhi sono puntati in direzione delle porte delle concessionarie della Casa che ha mantenuto inalterato il logo ed il marchio, per il prossimo debutto commerciale della Skoda Yeti, primo Suv della Casa e anche questo, come tutto il resto della produzione Volkswagen-Skoda, sarà sicuramente un buon successo.