Smart e l’auto accartocciata

Smart e l’auto accartocciata
da in Mondo auto, Smart, Utilitarie
Ultimo aggiornamento:

    Smart ripiegabile

    Se le intuizioni di William Mitchell, elaborate insieme a Smart, all’istituto di tecnologia del Massachussetts, dovessero avere un seguito, si aprirebbe per le auto un’era di completa rivoluzione tecnologica nell’arco di soli pochi anni.

    Il progetto messo a punto prevede infatti, proprio per la Smart, ma l’idea potrebbe essere agevolmente esportata anche in altre auto, una totale flessibilità e versatilità d’impiego con lo spostamento del motore dal suo alloggiamento tradizionale, come si fa attualmente, alle quattro ruote. Ciò consentirà non solo di sfruttare lo spazio attualmente occupato dal propulsore, ma darà anche l’opportunità di ripiegare, a mo’ di fisarmonica l’auto, facendole occupare uno spazio ancora più ridotto di quanto ne occupi oggi la vettura tradizionale, potendola incastrare un po’ come si fa adesso coi carrelli della spesa.

    Tutto ciò, conservando il solito grado di sicurezza di quest’auto che si doterà di airbag liquidi, al posto degli attuali e farà a meno delle tanto “odiate” e scomode cinture di sicurezza, sostituite da sedili particolari che in caso di impatto o frenata, avvolgerebbero e stringerebbero il passeggero impedendogli di catapultarsi in avanti.

    Innovazioni che sanno di fantascientifico ma per le quali il passo sembrerebbe davvero breve per renderle attuali, con grande respiro anche per le città, visti gli spazi che queste vetture potrebbero occupare nei centri urbani.

    255

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mondo autoSmartUtilitarie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI