Superbollo ai SUV, la Finanziaria lo conferma

Superbollo ai SUV, la Finanziaria lo conferma
da in Bollo auto, Mondo auto
Ultimo aggiornamento:
    Superbollo ai SUV, la Finanziaria lo conferma

    Per quanto riguarda il settore automobilistico, la manovra economica di Prodi e compagni, meglio nota come Finanziaria 2007, vista, corretta, proposta, imposta e, continuamente, rabberciata, qua e là, ripropone, differentemente a come si era detto in un primo momento, il superbollo per i SUV.

    Questo in quanto, almeno sin’adesso, la supertassa per i fuoristrada non sarebbe stata cancellata, semmai, se qualcosa si voleva cancellare, è stato fatto per tutti i bonus riguardanti tanto le auto e le moto ecologiche.

    Ma come si calcola la supertassa sui SUV?
    Per determinare il superbollo sui SUV, basta aggiungere 2 euro per ogni KW alle vetture sopra i 2.600 chilogrammi di peso. Le reazioni politiche su questa sovratassa sono del tutto favorevoli da parte della sinistra, soprattutto degli schieramenti di Centro, ad esempio, Ermete Realacci, esponente della Margherita, ha dichiarato che.. “il superbollo per i SUV non è stato mai toccato e speriamo che a nessuno venga in mente di eliminarlo, è stata invece cancellata l’agevolazione fiscale per le nuove vetture Euro 4 preferendo destinare risorse a potenziare il trasporto pubblico piuttosto che incoraggiare l’acquisto di nuove vetture, ancorché ecologiche”.

    Si allinea a queste idee anche il Verde Pecorario Scanio, Ministro per l’Ambiente, “sarebbe dannoso e controproducente ripetere campagne simili a quelle delle vecchie rottamazioni. Il modo di disincentivare l’uso di mezzi inquinanti si può trovare anche senza mettere su strada nuovi autoveicoli.

    Il punto di arrivo è potenziare il mezzo pubblico, la sua sicurezza e il suo utilizzo “.

    Dichiarazioni che prestano il fianco a tutta una serie di polemiche che, per lo meno, dovrebbero vedere il governo schierato da una parte ad incentivare solo l’acquisto di auto ecologiche e dall’altra a potenziare il mezzo pubblico al punto da dover essere tanto competitivo col mezzo privato che, senza l’arrivo di nuove gabelle per il cittadino, otterrebbe l’effetto sperato, ovvero, convincere gli italiani a servirsi dei mezzi di trasporto pubblici.

    Ma vi sembra che allo stato dei fatti, con un sistema ferroviario allo sfascio più totale, con tante città, soprattutto del Sud, completamente impreparate, coi propri mezzi pubblici, a fronteggiare gli spostamenti all’interno dei centri urbani e alla periferia, sia plausibile continuare a vessare il cittadino con inasprimenti di qualsivoglia natura, anche in campo automobilistico?

    387

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Bollo autoMondo auto
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI