Suzuki Alto: anteprima al Salone di Parigi

Suzuki Alto: anteprima al Salone di Parigi
da in Anteprima auto, Auto 2009, City car, Salone di Parigi 2016, Suzuki, Suzuki Alto
Ultimo aggiornamento:

    Non si può certo dire che fin dai “primi vagiti” la nuova Suzuki Alto, la city car giapponese con l’ambizione di sfondare anche in Europa, Italia compresa, non abbia già al suo attivo una fitta schiera di competitors presenti e futuri pronti a contrastarle il passo. Un esempio, Kia Picanto e Hyundai i10 solo per citarne due, ricordiamo cosa sta per lanciare la Volkswagen a breve e la Toyota per ben comprendere in che acque si muove la prosecuzione logica della Concept A-Star.

    Eppure, al Salone di Parigi dove è esposta la piccola giapponese, se ne dicono delle belle circa il futuro di quest’auto con 60.000 unità all’anno da commercializzarsi, come prime ipotesi entro il prossimo mese di aprile del 2009 .

    Diciamo subito che la Suzuki Alto si caratterizzerà per i bassi consumi e per le ridotte emissioni di CO2 il tutto per una vettura compatta e leggera grazie anche ai materiali usati per produrla. La piccola nipponica è omologata per accogliere 4 persone che possono anche godere di un adeguato bagagliaio versatile anche perché ampliabile agendo sui sedili posteriori.

    Interessantissime le dimensioni che ne fanno un’auto ideale per la città, anche se come si è visto in questo particolare segmento ci si son tuffati in tanti, una lunghezza di 3 metri e mezzo ed una larghezza di 1 metro e 60 centimetri ed un motore di 3 cilindri di appena 1.000 cc.

    di cilindrata Euro 5 da 68 cavalli di potenza con cambio manuale a 5 marce o automatico a 4; il tutto per realizzare percorrenze al di sopra dei 20 chilometri con 1 litro di benzina e 103 gr/km di Co2 emessa.

    Piccola si ma sicura ed in effetti vista la dotazione di sicurezza non si può certo dire che la Suzuki Alto non lo sia, affidabile anche in fatto di protezioni attive e passive; ESP, sei airbag ed abitacolo ad alta resistenza e elevata elasticità sono i primi dispositivi in grado di avvalorare l’ipotesi che ci troviamo di fronte ad un’auto al top delle caratteristiche di affidabilità. Davanti a questi numeri, concorrenza a parte, difficile non pensare che alla Casa giapponese abbiano visto bene nel futuro della Alto.

    416

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Anteprima autoAuto 2009City carSalone di Parigi 2016SuzukiSuzuki Alto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI