Velocità massima ridotta all’osso nei prossimi anni

da , il

    Il ministro Bianchi d'accordo nell'autolimitare la velocità massima delle auto

    Già godeva di scarsa popolarità il ministro dei Trasporti Bianchi, adesso quella poca che rimaneva la perderà, avendo dato il proprio appoggio ad un?iniziativa volta a autolimitare elettronicamente la velocità massima delle auto.

    In effetti ad esigerlo sembrerebbe la UE, che prevede di diminuire, sensibilmente, il numero di incidenti automobilistici entro il 2010 e questa di limitare la massima velocità sembrerebbe la strada maestra per portare a casa tale ambito risultato. Del resto, lo stesso ministro Bianchi, si trova d?accordo ed è fautore di tale iniziativa, partendo dal presupposto che non serve avere auto in grado di superare i 200 orari se poi i limiti sono a 130 .

    E non si può dire che i fatti non diano ragione a chi sostiene che riducendo la velocità delle auto aumenti la sicurezza stradale, basti constatare la diminuzione del 50% dei morti e del 34% per quanto riguarda i feriti, laddove è stato montato il Tutor.

    Si tratta di stabilire a quanti chilometri orari dovrà essere autolimitata la velocità, prima si prevedevano i 200 orari, adesso i 160 . Una soluzione questa che, oltre a dimezzare i morti sulle strade, darà modo anche di risparmiare carburanti e di immettere meno inquinanti nell?aria, realizzando anche più durata del motore.

    “Siamo favorevoli – spiega infatti Carmelo Lentino, portavoce della campagna nazionale sulla sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera BastaUnAttimo – alla limitazione della velocità delle auto. Le parole del Ministro Bianchi sono un buon auspicio perché si adottino provvedimenti immediati. Bene se si arriva addirittura ad una limitazione di 160 km/h. Penso che una legge che limiti la velocità massima degli autoveicoli, e la possibilità dunque di salvare moltissime vite umane, debba trovare il massimo consenso in parlamento”.

    Una Legge, questa della limitazione della velocità difficile da far approvare, come spiega lo stesso Bianchi, ma che servirà a dimezzare nei prossimi tre anni gli incidenti stradali in tuta Europa; sarà così?